I pannolini che diventano plastica

progetto%20discarica.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Una bella notizia che arriva dall’Italia dove l’azienda pescarese Fater, nota per il marchio Pampers, ha recentemente presentato il primo sistema sperimentale di raccolta e riciclo dei pannolini usati grazie al quale i pannolini non saranno più inviati in discarica o inceneriti, ma verranno trasformati in plastica con cui produrre arredi urbani e altri oggetti.

Il processo tecnologico è assolutamente sicuro per l’ambiente in quanto sterilizza i prodotti assorbenti solo tramite vapore ad alta pressione, dunque senza alcun agente chimico, e produce plastica in granuli e materia organico-cellulosica che può essere riutilizzata per realizzare cartoni per imballaggi industriali o anche come fertilizzante.

Per capire coi numeri il problema rappresentato dai pannolini usa e getta ci basta ricordare che solo nel nostro Paese si producono ogni anno poco più di 32 milioni di tonnellate di rifiuti urbani (fonte Ispra 2009), il 3% dei quali è rappresentato da prodotti assorbenti per la persona (pannolini, assorbenti femminili, prodotti per l’incontinenza) che mediamente finiscono per il 77% in discarica, mentre il restante 23% viene inviato agli inceneritori, con una conseguente altissima emissione di CO2 nell’atmosfera in entrambi i casi.

Il sistema della Fater (il cui primo impianto sarà operativo presso il Centro Riciclo di Vedelago, in provincia di Treviso), invece, oltre a promuovere l’idea del corretto riciclo dei rifiuti per dare loro una seconda vita, permette di risparmiare all’aria e ai nostri polmoni migliaia e migliaia di tonnellate di anidride carbonica, oltre che a ridurre quelle dei rifiuti portati in discarica.

‘Con questo progetto abbiamo inteso dare un contributo a ridurre il problema dei rifiuti trasformandolo in vantaggio’ ha dichiarato Roberto Marinucci, direttore generale di Fater spa. ‘La sostenibilità, infatti, fa vincere tutti e non obbliga a compromessi; spero che questa prima esperienza di sistema in Veneto possa decollare e in futuro motivare anche altri distretti ed espandersi a livello nazionale’.

  

Seguici sui social







Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ