Grazie ai limoni e alle arance bio cresce la OP CAI di Furci

unnamed (3)

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Sono stati tra i primi a produrre in Sicilia limoni biologici e sono oggi tra i big player di questa categoria a livello italiano. Parliamo della OP CAI (Cooperativa Agricoltori Ionici) di Furci Siculo in provincia di Messina.

La produzione oggi è intorno alle 9 mila tonnellate a cui si aggiungono 6 mila tonnellate di arance bio, duemila tonnellate di produzione propria, tutto il rimanente proveniente da 271 produttori conferitori che producono su 113 ettari certificati bio.

CAI è in crescita, grazie al bio e alle ottime relazioni avviate con la grande distribuzione italiana ed europea, ininterrottamente dal 2004. Il fatturato 2019 supererà i 22 milioni e mezzo di euro e per il 2020 è previsto il raddoppio del magazzino di lavorazione di Furci per rispondere alla crescente richiesta del mercato.

I fratelli Carmelo e Salvatore Scarcella (nella foto), i veri ‘motori’ della CAI (Salvatore è il presidente della OP) benedicono il giorno in cui hanno deciso di scommettere sul biologico, che oggi rappresenta i due terzi della produzione di limoni e il 100% delle arance. L’obiettivo dei fratelli Scarcella è anche quello di allargare la base dei terreni di proprietà a gestione diretta nelle zone più vocate, in particolare in provincia di Siracusa.

Seguici sui social







Notizie da GreenPlanet

news correlate

Brio, anno dopo anno vola la domanda di biodinamico

Quindici produttori certificati, un’ampia gamma di frutta e verdura disponibile, una domanda in costante crescita, soprattutto sui mercati esteri: per Brio, realtà veneta specializza nella commercializzazione di

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ