Fuori casa con i figli, un aiuto da Kid Pass

kid%20pass%20foto.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Nel nostro Paese c’è chi non crede alla nuova tendenza ‘no kids zone’, che ha iniziato a manifestarsi qua e là: se i ristoranti, i bar e gli alberghi off-limits per i bambini sembrano una nuova moda di cui si sono accorti anche i media, c’è chi lavora invece per creare spazi e tempi che nelle città sono sempre più accoglienti per le famiglie con bambini.

E’ infatti già un successo la guida urbana on line Kid Pass (www.kidpass.it), il primo portale, web-app e marchio italiano che promuove la qualità del tempo fuori casa vissuto dagli adulti assieme ai bambini. A quattro mesi dal lancio, conta infatti già più di 800 strutture iscritte e oltre 1000 eventi kid-friendly segnalati in base al possesso di alcune delle 14 facilities selezionate; e sono ben 87 i luoghi di ristorazione e 141 le strutture ricettive che si sono iscritti al portale per valorizzare i servizi a supporto della clientela accompagnata da bambini da 0 a 12 anni.

Il sistema informativo – dotato di un motore di ricerca web per pc, tablet e smartphone – è in grado di soddisfare le esigenze degli adulti che si muovono con i bambini e desiderano trovare quali luoghi ed eventi offrono spazi, servizi a loro dedicati nelle principali città italiane.

Il portale viene incontro all’esigenza delle strutture ricettive e di ristorazione di incrementare la propria visibilità per attrarre il target delle famiglie e in generale degli adulti con bambini. Sono già più di 150 le realtà ad aver ricevuto il riconoscimento "Consigliato su Kid Pass" (marchio depositato a livello nazionale e comunitario) in quanto possiedono almeno due facilities (almeno tre se sono strutture ricettive) tra quelle monitorate dal sito.

Le vetrofanie adesive sono state apposte all’ingresso di hotel, ristoranti, musei, librerie, teatri, associazioni e in formato digitale nei loro siti web. ‘L’adesione al portale in alcuni casi sta migliorando la risposta stessa delle strutture alle famiglie.

La Collezione Peggy Guggenheim di Venezia ad esempio – racconta Marianna Vianello, co-founder e Ceo di Kid Pass, nonché mamma di due maschietti – grazie allo stimolo di Kid Pass e alla consulenza della nostra nutrizionista offre oggi un menù ad hoc ai suoi piccoli visitatori, che ha ottenuto anche il riconoscimento Menu Bimbi Sano’.

Il sistema, inoltre, premia le strutture e gli eventi con un maggior numero di facilities: un ulteriore fattore che stimola le aziende a migliorare i servizi dedicati all’accoglienza dei bambini nel mondo dei grandi. ‘Siamo molto soddisfatti perché Kid Pass sta diventando un vero e proprio punto di riferimento nazionale e trasversale: ci occupiamo infatti del tempo fuori casa con i bambini a 360 gradi, dai viaggi alla vita quotidiana in città, così come del tempo libero.

Kid Pass sta innescando una vera e propria rivoluzione culturale, valorizzando l’idea che uscire con i bambini non sia più un peso ma un’opportunità anche per gli adulti, come ci raccontano i nostri utenti. Sapere quali sono i luoghi e gli eventi dove si è facilitati se si hanno dei bambini al seguito, migliora la qualità del tempo passato da noi adulti con i nostri figli’, spiega Marianna Vianello.

A quattro mesi dal lancio, Kid Pass si appresta ora ad aumentare il numero delle città monitorate: a Torino, Milano, Venezia, Bologna e Roma si aggiungono Firenze, Trento e altre città, ma sul portale è possibile cercare le realtà baby-friendly anche altrove, grazie al motore che permette la ricerca libera.

‘Milano, Torino, Venezia e Roma – spiega un altro degli ideatori di Kid Pass, Nicola Maghini – dal nostro osservatorio risultano al momento le città più attive nel segnalarci iniziative family-friendly e fra le realtà della ristorazione che hanno raccolto la nostra sfida spiccano i 53 Roadhouse Grill. Nell’ospitalità invece spiccano le adesioni degli hotel Best Western’.

Kid Pass nasce da un’idea di tre soci, professionisti e due di essi genitori, che hanno scelto di mettersi in gioco fondando a gennaio 2014 la startup Kid Pass, incubata nel Parco scientifico e tecnologico Vega di Venezia. Il successo del progetto ha già consentito di fa crescere il giovane staff: due nuove risorse e una rete di professionisti e partner si sono aggiungi infatti ai 3 soci fondatori, tutti veneziani – oltre a Marianna Vianello, Nicola Maghini responsabile marketing e Andrea Veronese business consultant. Il progetto si fonda su un B2B che offre una vetrina web gratuita per tutte le categorie di strutture e propone pacchetti di servizi opzionali a pagamento (come redazionali, banner, funzionalità aggiuntive) e sponsorizzazioni.

Fra le novità future, la possibilità di visualizzare in una comoda mappa i risultati della ricerca. I bisogni che Kid Pass soddisfa sono da un lato la necessità degli adulti di individuare quali sono i posti che offrono spazi attrezzati, servizi dedicati e proposte di eventi fruibili con i bambini; dall’altro lato, l’esigenza delle strutture di incrementare la propria visibilità per attrarre il target delle famiglie e in generale degli adulti con bambini. La web-app (che si apre automaticamente collegandosi a www.kidpass.it da smartphone) prevede uno strumento rapido di ricerca su web geolocalizzato e disponibile su dispositivi mobili.

Quattordici le facilities monitorate da Kid Pass: la presenza di area giochi interna o esterna, fasciatoio, area allattamento, attività ludico-didattiche, kit gioco da tavolo, seggiolone, animazione, sconto bimbi, menù bimbi sano, culla, scalda-biberon, baby-sitting, noleggio passeggini. Oltre a cercare le strutture e gli eventi della propria città, gli utenti possono anche votare le strutture migliori, in base alla propria esperienza.

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ