Fileni: dopo l’acquisizione di Bioalleva e Tedaldi, 100 milioni nel pet food bio

Fileni Bio

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Cento milioni di investimenti nel prossimo triennio, un progetto pronto nel 2023 per debuttare nella produzione di farine destinate al cibo biologico per animali e un export in forte crescita. “Puntiamo sul rafforzamento della filiera zootecnica, con focus sul biologico, per incrementare la capacità produttiva, rafforzando il benessere animale e riducendo l’impatto ambientale”. È quanto rivelato al Sole 24Ore Roberta Fileni, la vice presidente del Gruppo marchigiano. “Ricerca, sviluppo e trasformazione digitale al servizio di un business in crescita rappresentano invece il secondo asset del piano che – puntualizza – intende ottimizzare la fase di trasformazione della filiera”. In questo progetto rientra anche il rendering per la produzione di farine destinate al pet food bio, mercato in fortissima espansione.

Fileni è il terzo player nazionale nel settore delle carni avicole e primo, in Italia e in Europa, se si tratta di bio. La storica realtà, che ha chiuso il 2021 con un fatturato superiore ai 500 milioni, ha da poco acquisito il 100% di Bioalleva, azienda di Oppeano (Verona) specializzata nella produzione di carni e salumi provenienti da agricoltura biologica certificata e di Tedaldi, produttrice di uova biologiche, oltre ad aver ottenuto la certificazione B-Corp lo scorso gennaio (vedi news).

Con all’attivo sette stabilimenti produttivi, 300 allevamenti, 1.850 dipendenti (il 50% della manodopera è femminile e la forza lavoro è rappresentata per il 40% da persone straniere) il gruppo – presente in Grecia, Paesi Bassi, Danimarca, Spagna – ha registrato un exploit delle esportazioni verso la Germania del 70%, sull’onda del trend salutista innescato dalla pandemia. “Erano anni che bussavamo alla porta del mercato tedesco, a tratti inespugnabile, perché presidiato dai produttori locali – ha aggiunto Andrea Pascucci, export manager dell’azienda alla testata economica – . Soltanto cinque mesi dopo la pandemia, la GDO tedesca è venuta a cercarci”.

Fonte: Il Sole 24Ore

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ