Editoriale del 12/10/11: Di chi stiamo parlando?

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Le prime iniziative autunnali per la promozione del biologico, svoltesi tra piazze e palazzi storici, hanno fatto il pieno. Gli organizzatori di questi eventi, il cui livello qualitativo cambia molto tra città e città, molto spesso non si preoccupano affatto di sapere le motivazioni che spingono la gente ad affollare chioschi e intrattenimenti: è una generica curiosità, che scatta per ogni cosa si organizzi, per ogni cosa si venda in un luogo pubblico, o è qualcosa di più? Ovvero, qual è il livello di consapevolezza di coloro che si accostano al biologico attraverso le iniziative di piazza? Consiglieremmo gli organizzatori, almeno quelli delle iniziative più importanti, a impiegare dei rilevatori che distribuiscano e raccolgano questionari sugli atteggiamenti, le motivazioni, le conoscenze del pubblico.

La gente sa che cosa è biologico, che cosa è bio-dinamico, che cosa è equo e solidale? Io credo che la grande maggioranza degli italiani ne sappia poco o nulla e che ancora meno ne sappiano gli italiani di domani, i bambini, bombardati da pubblicità che per il 90% e più, lancia loro messaggi lontani anni luce da ciò che è sano e naturale per la loro alimentazione. Ecco, il punto è questo: occorre un grande piano di informazione-formazione che coinvolga le scuole e arrivi alla società e servono azioni mirate su chi vende il biologico (perché, a parte gli specializzati, si trovano venditori che non sanno cosa vendono e quindi non possono orientare il consumatore verso una scelta consapevole). Chi ha orecchie per sentire faccia qualche cosa: un piano. I finanziatori, nonostante la crisi, si troveranno.

Antonio Felice

editor@greenplanet.net

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

La lobby che non piace a Federbio

L’editoriale del 30 agosto (Due lobby che si scontrano) ha sollevato molteplici reazioni, critiche ed è stato oggetto di dietrologie. E’ stato anche letto da

Editoriale. Due lobby che si scontrano

L’uscita del Consorzio il Biologico di Bologna, società collegata all’organismo di certificazione CCPB, dalla Federazione di settore FederBio, è sfociata oggi, con l’intervento del presidente

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ