DA DIPENDENTI A IMPRENDITORI: LA SFIDA DI EL MAT IN VAL DI NONCON IL SUCCO DI MELA BIO

elmat

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Elia + Matteo = El Mat. Da dipendenti di un’azienda agricola a imprenditori. Ad una condizione: “volevamo essere biologici, era l’unico approccio con cui avremmo aperto la nostra azienda”.

L’azienda agricola “El Mat”, della Val di Non, produce succo di mela bio e nasce dall’interesse particolare di due ragazzi, Elia Bettelli e Matteo Andreis nei confronti del mondo agricolo e biologico. Abbiamo intervistato Elia Bettelli, uno dei due soci dell’azienda agricola El Mat. Ricopre un ruolo di rappresentante e responsabile della gestione aziendale, oltre ad occuparsi delle pratiche agricole.

Da dove deriva questo interesse per il mercato agricolo e del biologico?
Per Matteo è stata una passione fin da subito, infatti ha iniziato il suo percorso scolastico alla fondazione Edmund Mach, intraprendendo un percorso di formazione professionale agricolo, grazie alla quale ha fatto esperienze in aziende agricole strutturate in Germania.

E a te quando è arrivata l’intuizione?
Per me questo interesse è arrivato in un secondo momento. Ho seguito inizialmente un’altra strada. Ho avuto la possibilità di viaggiare molto. Sia prima che durante i miei studi ho lavorato e studiato a Sydney in Australia, dove ho trascorso un anno della mia vita, per poi tornare a Bologna, dove mi sono laureato in Economia, Marketing e Management, con 7 mesi di lavoro e studio a Lisbona, 6 ad Amsterdam e 6 a Monaco di Baviera. Per poi concludere il mio percorso scolastico con un Master in Sostenibilità Aziendale a Milano. Successivamente ho iniziato ad avvicinarmi al mondo dell’agricoltura nel territorio dove sono cresciuto, la Val di Non.

Come vi siete conosciuti tu e Matteo?
Abbiamo iniziato il percorso in due aziende simili e legate tra di loro e ci siamo conosciuti proprio lì. Dopo un po’ di tempo e ricerche varie, abbiamo deciso di provarci, abbiamo cercato dei terreni in affitto, e comprato i mezzi con un investimento importante. Fin da subito il trasformato è stato di nostro interesse e, quindi, abbiamo deciso di creare anche SUCCOBIO di azienda agricola El Mat

Cosa rappresenta per voi il biologico?
Il biologico è la base della nostra visione aziendale. Volevamo essere biologici. Era l’unico approccio con cui avremmo aperto la nostra azienda, sia per una visione di sostenibilità aziendale a livello ambientale, che gestionale. Per noi, la salvaguardia del territorio in cui viviamo è alla base dello sviluppo aziendale. Siamo anche molto interessati al mondo del Biodinamico.

Cosa troviamo nel vostro catalogo commerciale?
Ad oggi produciamo solo succo di mela biologico ma stiamo cercando di sviluppare nuovi prodotti, probabilmente, mousse di mele, mele secche e altri tipi di trasformato di mela.

Quali sono i vostri canali di vendita?
Tra poche settimane apriremo finalmente il nostro shop online, ma attualmente facciamo ordinazioni mensili nelle città di Bologna, Milano e Firenze serviamo direttamente il cliente.

Quali sono i principali risultati che avete raggiunto da quando è nata El Mat?
Il test dei succhi come prodotto di nicchia particolare è stato uno dei più grandi successi, ma sicuramente riuscire a sopravvivere, a livello economico gestionale, per quasi 2 anni dall’inizio, è il più grande successo, essendo partiti da zero senza terreni né macchinari.

Prevedete delle novità?
Sicuramente le novità ci saranno. Non siamo ancora pronti a parlarne perchè sono in via di sviluppo, ma, sia a livello gestionale tecnologico per il controllo e la gestione del prodotto, che a livello di tipologie di produzione, stiamo cercando di diversificare e migliorare.

Su quali valori si fonda l’azienda?
Per noi è fondamentale la trasparenza nei confronti dei nostri clienti e soprattutto della natura, cosa non scontata. Cerchiamo di minimizzare il nostro impatto ambientale, cosa, ammetto, molto complessa soprattutto all’inizio, ma ci stiamo riuscendo. Per noi è fondamentale la salvaguardia del nostro territorio, lo stesso che ci fornisce alimenti e vita.

All’insegna di quali parole immagina il futuro di El Mat?
Diversificazione, biologico innovativo, prodotti di nicchia particolari ed interessanti.

Stefania Tessari

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ