Cresce l’export tunisino di frutta bio

bio%20tunisia_0.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

La Tunisia esporta quantitativi sempre più forti di frutta biologica verso l’Europa, il Sudafrica, i Paesi del Golfo, oltre che verso i vicini Marocco e Libia. Crescono anche i prodotti a denominazione di origine protetta.

La stagione di produzione dura da settembre a fine dicembre, con esportazioni di frutta bio di qualità premium in ben 60 Paesi diversi. Vista la crescita della domanda e dell’export, la produzione biologica bio è in aumento sul territorio tunisino. Si introducono nuovi impianti e ci si impegna per garantire la tracciabilità dei prodotti.

L’azienda Djebba Fruits, per esempio, si sta impegnando a diversificare la gamma della frutta offerta, sempre a partire da varietà coltivate secondo l’agricoltura biologica, adatte alle caratteristiche specifiche delle regioni in cui vengono prodotti.

Ad esempio, dalla Tunisia arrivano i melograni bio che vengono esportati nei Paesi del Golfo, dove la domanda è in aumento e si ottengono prezzi stabili.

Secondo i rappresentanti di Djebba Fruits, la sfida più grande per la diffusione della frutta bio tunisina consiste nel trasporto, poiché i frutti devono raggiungere la propria destinazione il giorno dopo la raccolta. Sarà dunque importante migliorare la logistica.

Ora la Tunisia si concentra sull’export verso Europa e Medio Oriente, augurandosi un’ampia crescita passo dopo passo.

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ