Cresce in Alto Adige l’agricoltura bio

Schermata%2001-2456688%20alle%2010.44.04_0.png

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il 29 gennaio si è conclusa la 17.ma edizione del corso di introduzione alla frutticoltura e alla viticoltura biologica, una proposta formativa della durata di tre giorni presso il Centro di Sperimentazione Laimburg. ln Alto Adige, il numero delle aziende agricole che sono passate all’agricoltura biologica è cresciuto anche nel 2013 e, a fine anno, ha raggiunto un totale di oltre 800 aziende.

La superficie coltivata in frutticoltura ammonta a 1.372 ettari. La coltivazione di mele ha raggiunto il 7,2 percento dell’intera superficie frutticola altoatesina. La viticoltura biologica invece è esercitata su 263 ettari. Sono 230 le aziende di raffinamento e commercializzazione di prodotti biologici.

Benché ogni agricoltore abbia le idee ben chiare riguardo alla sua partecipazione al corso e quindi al passaggio all’agricoltura biologica, la decisione è pilotata da molteplici aspetti economici, ma anche di responsabilità sociale e verso la sostenibilità ambientale.

Il corso di introduzione alla frutticoltura e viticoltura biologica ha visto una richiesta in crescita costante durante gli ultimi anni. Per mezzo del corso di formazione gli agricoltori possono prepararsi alla produzione biologica e ottenere delle risposte a domande pratiche. Gli argomenti trattati spaziano dai concetti base della produzione biologica, alle disposizioni normative in materia fino alle più importanti tematiche di produzione: dalla difesa delle piante, alla regolazione della produzione, dal trattamento del terreno alla scelta varietale.

La parte teorica è integrata con degustazioni di mele e vini di produzione biologica nonché con visite ad aziende agricole.

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ