Cosa c’è dietro l’operazione AlmaverdeBio

negozio%20almaverde.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Un’opportunità in più data al consumatore per avvicinarsi al biologico. E’ stata definita così l’operazione Ki Group – OrganicAlliance per il lancio dei negozi specializzati AlmaverdeBio.

Ma è anche qualche cosa di più. Per esempio, è una sinergia importante tra due gruppi importanti che dà forza al settore bio. E ancora è una risposta: la risposta alla grande distribuzione che, con i suoi limiti nella gestione e nell’assortimento dei prodotti bio, e con la sua volontà di sviluppare sempre più prodotti a marchio proprio, frena le aziende bio che hanno investito in un loro marchio e frena soprattutto un consorzio di imprese come Almaverde Bio che fa enormi sforzi promozionali per imporsi come il marchio del biologico più forte in Italia.

Scriveremmo una fesseria enorme se affermassimo che Almaverde Bio lascia la gdo: Almaverde è nata per il mass-market ovvero per far conoscere e far consumare il biologico alla gran massa dei consumatori, spingendolo fuori dalla nicchia e dalle forme distributive di nicchia. Ma oggi, sperimentate le politiche delle grandi catene (o, almeno, di alcune di esse), Almaverde intende sfogare il suo potenziale anche nel segmento degli specializzati, dove praticamente si sentiva chiusa da altre iniziative, e lo fa ‘mettendoci la faccia’, come va di moda dire oggi, ovvero, mettendoci l’insegna.

Non vanno disconosciute le diverse forme distributive dei prodotti bio e non dobbiamo dimenticare che la crescita, in Italia per un certo tempo lenta, ma sicuramente continua, del bio ha sviluppato nuovi canali distributivi.

Pensiamo, ovviamente, alle aziende agricole con vendita diretta, agli agriturismi-bio, ma anche alle mense scolastiche, ai gruppi d’acquisto solidale, alle aperture della ristorazione, ai mercatini bio, alle aziende che si specializzano nella consegna a domicilio degli ordini d’acquisto via web. Ma è chiaro che se tutto questo conta sempre di più, la grande partita della distribuzione si gioca tra la gdo e le catene di negozi specializzati.

L’esperienza di Naturasì è un caso molto importante in Italia. La nascita dei negozi AlmaverdeBio è una storia ancora da scrivere, ma è un’iniziativa, allo stesso tempo, carica di attese.

Antonio Felice

editor@greenplanet.net

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

La lobby che non piace a Federbio

L’editoriale del 30 agosto (Due lobby che si scontrano) ha sollevato molteplici reazioni, critiche ed è stato oggetto di dietrologie. E’ stato anche letto da

Editoriale. Due lobby che si scontrano

L’uscita del Consorzio il Biologico di Bologna, società collegata all’organismo di certificazione CCPB, dalla Federazione di settore FederBio, è sfociata oggi, con l’intervento del presidente

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ