A Milano un eco quartiere in legno

Ecoquartiere-a-Milanosocial-housing-300x151.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il cantiere del nuovo eco quartiere in legno di Milano, nella zona ovest della città, via Cenni, è partito a gennaio, un cantiere da 18 milioni di euro che in soli 14 mesi di lavoro dovrebbe realizzare un grande quartiere residenziale ecosostenibile di livello europeo.

Il progetto dell’architetto Fabrizio Rossi Prodi si inserisce in un piano più ampio di Housing Sociale, realizzato da Polaris Investment Italia SGR Spa, che ha lanciato qualche anno fa un concorso internazionale di progettazione apposito.

Un’area di 17 mila metri quadrati, dove è prevista la realizzazione di 124 alloggi, in 4 edifici, ognuno con 9 piani di altezza. Qualità e basso costo, con elevati standard abitativi, caratterizzano il progetto.

Il quartiere in legno verrà costruito secondo la tradizione lombarda con un impianto a corte, ma in legno, con tecnologia X LAM che andrà a costituire l’ossatura degli edifici multipiano. La base verrà costruita in cemento armato, mentre il resto verrà realizzato con pannelli in legno incrociati. Questi pannelli sono prefabbricati e provengono da riserve forestali certificate europee.

L’X-LAM è un compensato multistrato composto da tre, cinque o sette strati sovrapposti di lamelle di legno strutturale, con uno spessore che varia generalmente tra i 16 e i 35 mm uniti poi testa contro testa.

La caratteristica principale è che la direzione delle lamelle di uno strato è sempre ortogonale a quella delle lamelle dello strato vicino, con una disposizione incrociata che conferisce ai pannelli un comportamento meccanico ottimale, così come accade con la stabilità dimensionale. Per quanto riguarda la distribuzione degli appartamenti e la disposizione interna, i progetti sono tutti modulari e consentono poi a chi ci abiterà di modificare e personalizzare senza grosse opere cantieristiche gli interni e le relative stanze.

Il quartiere è inserito in un grande contesto verde, attorno agli edifici sono previsti una serie di orti comuni, giardini e tetti verdi. Il quartiere verrà inoltre dotato di sistemi di cogenerazione e di una serie di pannelli fotovoltaici integrati per la fornitura di energia elettrica. Particolari che conferiscono una certificazione in classe energetica A. 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ