Vino bio, ministero in ritardo: protesta Federbio

vino%20bio%20federbio_0.png

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Italia incredibilmente in ritardo nelle procedure per l’applicazione della nuova normativa europea sul vino biologico.

Dall’ 1 agosto, in tutta l’UE si poteva già infatti etichettare il vino e gli altri prodotti derivati come biologici. In tutta l’UE ad eccezione dell’Italia, Paese vocato alla viticoltura e riconosciuto in tutto il mondo per la qualità del suo vino bio. In Italia è stato pubblicato solo il 31 luglio il decreto ministeriale contenente le disposizioni applicative ma non solo: secondo il Ministero agricolo gli organismi di controllo dallo scorso giugno avrebbero dovuto interrompere i controlli sulle cantine in attesa di una specifica autorizzazione su procedure e personale ispettivo, nonostante fin dal 1993 le cantine siano sempre state sottoposte a controllo.

Inoltre secondo le ultime interpretazioni fornite dal Ministero agricolo sulla nuova normativa europea in Italia sarebbe a rischio la certificazione di alcune produzioni tipiche e peculiari del nostro Paese, come l’aceto balsamico e i mosti concentrati. ‘Solo il senso di responsabilità degli organismi di certificazione ha fino a ora garantito la continuità nel sistema di controllo per le cantine che producono vino bio ma di fronte all’ottusità della burocrazia siamo ormai costretti alla disobbedienza civile – dichiarava a inizio agosto Paolo Carnemolla, presidente di FederBio-.

Anche un solo mese di interruzione dell’attività di controllo avrebbe costretto a escludere tutti gli operatori, creando un danno gravissimo alle imprese. E il ritardo nella pubblicazione del decreto attuativo così come le prime risposte date sull’applicazione della normativa sono un ulteriore evidenza di come la burocrazia non abbia in alcuna considerazione l’interesse del sistema Paese in un momento tanto difficile per la nostra economia. E’ allarmante che uno dei comparti in crescita nell’agro-alimentare italiano sia stato messo in deficit competitivo con i concorrenti europei’ aveva concluso il presidente di FederBio.

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ