Vini biodinamici: alleate Fattoria Di Vaira e Perlage

fattoria%20di%20vaira%20vino%20perlage.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Arrivano dalle colline molisane due ottimi vini da agricoltura biodinamica, proposti dalla Fattoria Di Vaira: un Bianco e un Rosso, espressione di una fruttuosa sinergia di valori e intenti fra la Fattoria stessa e l’azienda vitivinicola trevigiana Perlage. Da una parte, infatti, vi è la scelta della Di Vaira – esperienza pilota di sperimentazione dell’agricoltura biodinamica nel sud Italia e, con i suoi 500 ettari, principale azienda agricola molisana per estensione – di rilanciare un prodotto, il vino, che tradizionalmente ha avuto un grande ruolo in azienda.

Un’importanza che oggi è stata riscoperta grazie alla conversione dei terreni all’agricoltura biodinamica: la vigna di anno in anno ha recuperato vitalità, passando dalla “stanca” produzione convenzionale a vigneto vitale. Sull’altro versante, quello della lavorazione delle uve, c’è l’impegno della cantina trevigiana Perlage, che ha condiviso da subito la scelta a vigneto biodinamico della Di Vaira, diventandone socia.

Praticare la viticoltura biodinamica partendo dagli insegnamenti antroposofici di Rudolf Steiner infatti significa lavorare per mantenere la fertilità dei terreni ma anche rendere sane le piante perché possano resistere alle malattie e ai parassiti e produrre vini dalla qualità più alta possibile.

Una volta raccolte a Petacciato (provincia di Campobasso, in un’area ventilata dal microclima unico, sulle colline ma a pochi chilometri dal mare), le uve partono subito per il Veneto su camion frigoriferi. La lavorazione immediata consente di preservare tutte le straordinarie qualità che la coltivazione biodinamica ha concentrato in ogni singolo acino.

I Bianchi, più leggeri e vivaci, sono vinificati senza la presenza delle bucce, mentre i Rossi, più corposi ed austeri, ricavano colore e tannini proprio da esse. Nel periodo di vendemmia e vinificazione la cantina è presidiata giorno e notte per controllare temperature e fermentazioni: si tratta infatti di una fase molto delicata quando si lavora con uve biodinamiche, impiegando solo processi rigorosamente naturali, come gli arieggiamenti, la regolazione delle temperature, i travasi. Il resto è compiuto dalla forza meravigliosa della natura.

Vino Bianco

Vitigno: Falanghina, Trebbiano

Colore: bianco paglierino

Abbinamenti: piatti a base di pesce e crostacei, primi leggeri, formaggi freschi

Temperatura di servizio consigliata: 8-10°C

Gradazione alcolica: 11,5% vol..

Vino Rosso

Vitigno: Montepulciano, Sangiovese

Colore: rosso rubino

Abbinamenti: piatti tipici, minestre e zuppe di farro od orzo, arrosti di carne, formaggi stagionati

Temperatura di servizio consigliata: 16-18°C

Gradazione alcolica: 12% vol.

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ