Toscana: piacciono i prodotti tradizionali

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il prof. Ivan Malevolti dell’Università degli Studi di Firenze ha svolto all’Accademia dei Georgofili una lettura su: ‘Senso e creazione di senso nel consumo di prodotti tradizionali-locali’.

Partendo da una più ampia ricerca di respiro tecnologico-alimentare e medico-sanitario sui prodotti tradizionali locali, la lettura ha mirato ad analizzare i livelli di conoscenza e di consumo dei prodotti tradizionali (pane, pecorino, olio di oliva, vino) dei consumatori toscani e il loro grado di identificazione con i prodotti locali attraverso un proprio percorso di definizione del senso e delle modalità di creazione di senso.

L’analisi ha evidenziato tra l’altro l’esigenza delle aziende di incorporare significati nel prodotto offerto, in un continuo rimando tra soggetti facenti parte dello stesso contesto culturale, fornendo altresì al decisore pubblico elementi di conoscenza per intervenire a sostegno del modello di consumo regionale (tradizione, genuinità, sicurezza). Sulla base di un approccio di pensiero della psicologia del consumatore, è stato costruito un modello di riferimento alla base della successiva indagine di campagna (100 interviste) che ha permesso di analizzare ed ottenere interessanti risultati in merito alla conoscenza dei prodotti (assai diffusa), alla prassi del loro effettivo consumo (da cui risulta un uso e una frequenza d’uso piuttosto elevati), al senso che i consumatori danno al consumo dei prodotti locali e regionali (il peso del localismo risulta elemento rilevante nel proprio vissuto esperienziale), alla costruzione di senso (dalle famiglie di origine alla crescita attraverso le pratiche dello scambio sociale).

In definitiva, origini, memoria, passato ed esperienze descrivono non solo prassi e significati del consumo di prodotti del territorio ma anche indicazioni sul significato della propria esistenza, nel senso di una vera autoidentificazione tra il sé e l’oggetto consumato.

Giulia Bartalozzi

Responsabile Comunicazione

Accademia dei Georgofili

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ