La tragedia del Giglio, un turismo da ripensare

giglio.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

AITR, Associazione Italiana Turismo Responsabile, in una nota diramata oggi da Bologna, sede dell’associazione, rivolge ‘alle vittime del naufragio dell’isola del Giglio il proprio pensiero, alle famiglie, ai passeggeri e ai lavoratori la propria solidarietà’.

Secondo AITR, la tragedia della Costa Concordia costringe tutto il turismo italiano ad un ripensamento. Quanto è accaduto – sostiene l’associazione- non è stato solo il frutto di una fatalità o di un errore umano. 

Da anni l’industria delle crociere è cresciuta ‘senza limiti e senza regole’. Navi sempre più mastodontiche, porti smisurati per accoglierle, rotte rischiose e lavoratori reclutati nei paesi più poveri per salari minimi.

Un impatto ambientale tutto da valutare ma certo molto rilevante, un impatto economico sulle destinazioni molto contenuto.

‘Questo modello – conclude la nota – non corrisponde alle esigenze ed ai diritti di sviluppo turistico responsabile per cui AITR è nata e si batte’. AITR auspica pertanto che da oggi si apra una riflessione profonda, perché tragedie come questa non debbano più accadere.

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ