La rivoluzione di Tribewanted

tribewanted%20umbria%20foto%20greenplanet_0.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Una forma impegnativa, sotto il profilo del coinvolgimento personale, ma creativa di turismo sostenibile è quella proposta dalla cooperativa Tribewanted, una eco-comunità che costruisce villaggi eco-sostenibili, fondata da un giovane intraprendente, Filippo Bozotti, interprete, produttore di documentari, promotore di progetti educativi e di micro-finanza in Sierra Leone dove nel 2007 ha lanciato, con Ben Keene, il progetto Tribewanted.

A marzo di quest’anno, Tribewanted aprirà la nuova struttura italiana a Monestevole, nel comune di Umbertide, in provincia di Perugia. In una recente intervista Bozotti ha dichiarato: ‘A Tribewanted misuriamo il nostro impatto con i tre parametri della sostenibilità: sociale, ambientale ed economico.

Le decisioni che prendiamo sono basate su questi parametri. I valori sociali sono: portare lavoro a lungo termine per la comunità locale, migliorare salute e istruzione (sopratutto nelle nostre comunità a Fiji e in Sierra Leone dove lavoriamo con le scuole locali) e aumentare la felicità. Misuriamo la felicità dei nostri lavoratori locali e dei nostri tribe-members, e osserviamo che i nostri lavoratori sono sempre più felici, anche se guadagnano $70 al mese (due volte tanto lo stipendio medio in Sierra Leone)’.

Ma che cosa propone al turista un villaggio Tribewanted? Risposta di Filippo Bozotti: ‘Siamo nati come comunità online che ha sviluppato, grazie al modello di crowd-funding, vere comunità off line. Tutto comincia dai social media con i quali siamo riusciti a raccontare la nostra storia in tutto il mondo. Tribewanted è un modello unico, già presente anche in Umbria, dove non solo offriamo eco-turismo ma i nostri membri partecipano allo sviluppo delle nostre comunità, che crescono organicamente grazie ai nostri tribe-members. C’è un grosso scambio culturale e un forte focus della vita di comunità: facciamo tutto insieme, mangiamo insieme, cuciniamo insieme, costruiamo insieme, puliamo insieme. È questa filosofia di vita che ha destato curiosità in molti media che vogliono raccontare la storia di Tribewanted’.

Il pensiero di Bozotti è riassunto in queste righe: ‘I prossimi 30 anni saranno fondamentali per la nostra generazione e la nostra civiltà, le sfide sono dappertutto perché bisogna cambiare l’intero modello economico. Abbiamo un piccolo spazio di tempo per stravolgere un nsistema usa e getta in un sistema ciclico, così come funziona tutto il resto in natura altrimenti rischiamo il collasso.

Serve un Green New Deal dove costruire una nuova infrastruttura a basse emissioni, trasporto pulito e pubblico, energie rinnovabili, riciclo delle acque e dei rifiuti, agricoltura biologica, permacultura e bioedilizia. Tribewanted vuole essere un modello che dimostra come possiamo vivere nei prossimi 30 anni, per comprendere che non è solo possibile ma anche desiderabile vivere in modo sostenibile, non solo in Paesi in via di sviluppo ma anche in Paesi sviluppati come l’Italia’.

 

Seguici sui social







Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ