Germania: vendite di prodotti bio a +9,9% in un anno

unnamed%20%288%29_3.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Nel 2016 la superficie destinata in Germania all’agricoltura biologica ha visto un incremento dell’8,9%, rispetto al 2015 per un totale di 1.185.471 ettari di terra. Il numero delle aziende agricole biologiche ha mostrato un aumento, nell’anno in questione, dell’8,6% per un totale di 26.855 aziende. Il fatturato derivante dalla vendita di prodotti alimentari biologici all’interno del mercato tedesco ha registrato un incremento nel 2016 del 9,9% (9,4 miliardi di euro). Il 58% del fatturato è derivato dalla vendita di prodotti alimentari biologici attraverso il canale del commercio al dettaglio (con un incremento rispetto al 2015 del 14,6%).

Le vendite presso negozi di prodotti naturali hanno rappresentato nel 2016 il 30% del fatturato dell’intero segmento (con un incremento del 5%), mentre il fatturato derivante dalla vendita di prodotti alimentari biologici per corrispondenza, presso panifici, macellerie, fruttivendoli e mercati settimanali rappresentava una quota sul giro d’affari complessivo del settore, del 12% (1,1 miliardi di euro).

I dati sono stati diffusi dall’Associazione nazionale tedesca per l’agricoltura biologica (Bund Ökologische Lebensmittelwirtschaft).

Entrando più nel dettaglio nei dati, gran parte della superficie destinata in Germania all’agricoltura biologica viene dedicata alla coltivazione di cereali, in particolare grano e segale. In seconda e terza posizione seguono mangime e legumi. Relativamente alla coltivazione biologica di verdure, 251 ettari sono destinati nel 2015 alla coltivazione in serra. L’85% della produzione in serra di verdure si concentra su 6 prodotti principali: insalata valeriana, pomodori, cetrioli, peperoni, rape e lattuga.

La maggior parte della superficie destinata in Germania all’agricoltura biologica si trova nelle regioni del Saarland (con una quota del 13%), dell’Assia (11%) e del Brandeburgo (10%).

Secondo un sondaggio condotto dall’assicurazione sanitaria tedesca TK Techniker Krankenkasse nel 2016 per il 54% dei consumatori tedeschi di sesso femminile l’aspetto salutare dell’alimentazione riveste un ruolo fondamentale mentre per il 51% dei consumatori tedeschi di sesso maschile il gusto del cibo assunto rappresenta l’elemento principale. In media il consumatore tedesco di sesso maschile spende 6,8 euro al giorno per il pranzo fuori casa. Il 55% dei consumatori tedeschi predilige cibi di rapida preparazione e, nonostante il crescente trend vegano, il 53% preferisce mangiare carne. Il 23% dei tedeschi ama molto i cibi dolci, la percentuale dei consumatori di sesso femminile sale al doppio. Il 23% dei consumatori di sesso femminile in Germania consuma quotidianamente cibi dolci. 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ