Frane spie del dissesto idrogeologico

frana-pelmo-250x145.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

"Nel già grave quadro di dissesto idrogeologico in cui versa il territorio nazionale, le frane di crollo, ovvero quelle che comportano la caduta di porzioni più o meno ingenti di roccia sono spesso sottovalutate. Eppure il quadro delle pericolosità e dei rischi legati a questi fenomeni è diffusissimo non solo nelle nostre

aree montane, ma anche lungo le nostre coste o sulle più modeste balze rocciose”.

Lo ha affermato Gian Vito Graziano , presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi , all’indomani della tragedia del Monte Pelmo.

“Si tratta di fenomeni che si innescano improvvisamente – ha proseguito Graziano – senza che si riscontrino di solito segni precursori di quanto sta per avvenire. E’ quello che è già accaduto a Ventotene e che purtroppo si è ripetuto il 3 settembre a Monte Pelmo. Fondamentale per l’innescarsi di queste frane è lo stato di fratturazione della roccia, ma altri fenomeni naturali (gelo e disgelo, circolazione delle acque, eventi sismici ecc.) ed antropici (incendi), ne aumentano la gravità".

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ