Fairtrade: salario dignitoso nelle piantagioni

fairtrade%20salario%20piantagioni.jpeg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Fairtrade International ha diffuso la versione rivista degli standard per il lavoro dipendente, un aggiornamento delle condizioni a cui devono rispondere gli operatori del circuito del commercio equo certificato, elaborato per rafforzare la posizione dei lavoratori nelle piantagioni e nelle aziende afferenti al sistema responsabili della coltivazione di tè e infusi, banane e altra frutta, fiori recisi e palloni sportivi in Asia, Africa e America Latina.

Requisiti più specifici per garantire ai lavoratori il diritto di associarsi liberamente ed effettuare contrattazioni collettive sono tra gli elementi che caratterizzano la nuova versione del documento.

 Inoltre le aziende del circuito dovranno informare i propri dipendenti in merito ai loro diritti e farsi promotrici dell’incontro tra i sindacati e i lavoratori, impegnandosi in accordi collettivi coi rappresentanti dei lavoratori qualora non fossero già presenti in azienda.

Introdotto anche un nuovo metodo per un calcolo comparato più equo dei compensi e un processo chiaro verso un salario più dignitoso nelle piantagioni, sviluppato con Richard e Martha Anker. In fase di elaborazione sono modelli di calcolo del salario dignitoso per ogni regione dove sono presenti piantagioni Fairtrade. Tutte queste novità sono state anticipate nel corso della Conferenza Europea sul salario dignitoso coinvolgendo i partner industriali.

‘Il nostro lavoro è molto lontano dal vedere una conclusione. Il nuovo standard propone una nuova cornice di supporto, ma dovremo lavorare sodo per assicurare che i lavoratori abbiano la capacità e la libertà di negoziare per posti di lavoro a condizioni più eque’, ha dichiarato Wilbert Flinterman, consulente in materia di Diritti dei lavoratori e relazioni con i sindacati di Fairtrade International, ‘continueremo a costruire partnership con le federazioni globali di sindacati e con le unioni locali per coinvolgere i lavoratori; allo stesso tempo continueremo a spingere per prezzi più equi, e per una migliore distribuzione del valore nella filiera di produzione’.

Le altre novità riguardano nuovi criteri per rafforzare i benefici dell’appartenenza al circuito Fairtrade da parte dei lavoratori (tra cui anche gli stagionali e i migranti), che avranno più controllo sull’impiego del Fairtrade Premium, il margine di guadagno aggiuntivo Fairtrade, e sui fondi a favore del loro sviluppo. Alcuni rappresentanti eletti dei lavoratori riporteranno la gestione delle spese all’assemblea dei dipendenti, e parte del Premio potrà essere elargito anche in contanti o come bonus.

La pubblicazione di un nuovo standard per i lavoratori dipendenti delle piantagioni segue alla diffusione della strategia per i lavoratori dipendenti del 2012 ed è parte del lavoro che il circuito Fairtrade sta svolgendo per estendere i benefici Fairtrade a tutti i lavoratori coinvolti nella filiera della certificazione etica. Lo standard sarà in vigore dal prossimo giugno per le aziende del circuito.

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ