EcorNaturaSì, prestito obbligazionario da 10 milioni

Naturasì

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Grano, frutta, verdura sono materie prime che davamo per scontate ma il cui approvvigionamento, oggi, è messo in discussione da una grave crisi internazionale e climatica. Pensare all’agricoltura, in questi giorni, significa quindi impegnarsi in un modello produttivo che valorizzi le terre fertili, gli agricoltori e le filiere corte.

Da questo presupposto, nasce il progetto innovativo per il bio di EcorNaturaSì: l’emissione di un prestito obbligazionario di 10 milioni di euro che sarà remunerato in buoni spesa. Nel concreto, il prestito obbligazionario prevede un tasso di interesse netto del 3% annuo erogato in buoni spesa, per dar vita all’idea che il denaro si trasformi in cibo ma, soprattutto, in progetti di sviluppo dell’agricoltura bio, tra i principali alleati per la tutela dell’ambiente, per la lotta contro i cambiamenti climatici e per la sovranità alimentare. Obiettivi, tra l’altro, in linea con il Green Deal europeo, in cui rientra la strategia Farm to fork approvata dalla Commissione europea.

Ad annunciare l’emissione del prestito è Fabio Brescacin, presidente di EcorNaturaSì SpA Società Benefit: “Per anni si è dato per scontato che con il denaro si potesse accedere facilmente al cibo presente sugli scaffali dei supermercati, senza preoccuparsi di un sistema agricolo sempre più sofferente dal punto di vista economico, per il mancato riconoscimento di un giusto prezzo e sempre più dipendente da fertilizzanti chimici costosi e, visto il contesto internazionale, meno disponibili. Un sistema produttivo che ha provocato l’abbandono delle terre e la perdita di una vera cultura agricola, sostituita da una tecnica che non tiene conto della cura della fertilità naturale del suolo. Avremmo dovuto farlo prima, ma anche oggi abbiamo la possibilità di cambiare rotta”.

Il presidente di EcorNaturaSì racconta come da più di trent’anni l’azienda promuova lo sviluppo del settore biologico e biodinamico, con l’obiettivo di contribuire alla salute delle persone, a quella della Terra e dell’ambiente, e aggiunge: “Noi viviamo di pane, non di denaro. Generare consapevolezza sull’importanza delle scelte che facciamo quando riempiamo il carrello della spesa è per noi di EcorNaturaSì un impegno prioritario e anche l’obiettivo primario di questa iniziativa”.

Le somme raccolte con il prestito saranno impiegate da EcorNaturaSì, tra l’altro, per supportare le aziende agricole e le aziende di trasformazione nel migliorare le proprie strutture e fare investimenti a medio termine. Una parte del prestito verrà destinata per la ricerca e per sostenere la formazione di agricoltori,  oltre ad accompagnare i più giovani a svolgere la propria attività nell’ambito dell’agricoltura biologica.
Non è previsto l’utilizzo della provvista derivante dal Prestito per sopperire a esigenze finanziarie dell’Emittente. L’Emittente renderà note le modalità di impiego delle somme raccolte con apposito comunicato pubblicato trimestralmente sul proprio sito internet.

“Con questo nuovo strumento finanziario EcorNaturaSì vuole dare la possibilità di far parte di un processo economico che può garantire il cibo di oggi e di domani. Dalla terra può germogliare un futuro più sano ed equo”. A dirlo è Fausto Jori, amministratore delegato di EcorNaturaSì, che aggiunge: “L’obiettivo è consolidare il rapporto con i clienti e coinvolgerli all’interno del nostro ecosistema di cui fanno parte anche i fornitori, le aziende agricole, i negozi. Per questo l’investimento in obbligazioni è remunerato in buoni spesa spendibili all’interno dell’ecosistema NaturaSì”.

Il progetto è nato in collaborazione con Banca Etica che svolgerà il ruolo di collocatore insieme all’Emittente.
Il titolo si può sottoscrivere infatti presso gli Uffici di Sottoscrizione NaturaSì indicati nel Prospetto, previo appuntamento, e presso tutte le filiali di Banca Etica, nonché tramite i consulenti finanziari di Banca Etica.

Le obbligazioni hanno un valore nominale di 2.500 euro l’una e il prestito ha durata di quattro anni. Le obbligazioni incorporano il diritto al rimborso alla pari del capitale alla data di scadenza del prestito e al pagamento degli interessi, nella misura del 4,054% lordo annuo, pari al 3% netto, che verranno corrisposti unicamente in buoni spesa, da utilizzare presso la rete commerciale dell’emittente, ossia, presso:
1) tutti i negozi che espongono l’insegna NaturaSì il cui elenco è presente nella sezione del sito dell’Emittente
2) rete commerciale online sul sito  https://www.naturasi.it

II Prospetto Informativo relativo all’offerta al pubblico di Obbligazioni è stato depositato alla Consob

In data 21 gennaio 2022, a seguito di approvazione avvenuta in data 19 gennaio 2022, comunicata con nota del 21 gennaio 2022, è stata resa nota l’approvazione del Prospetto da parte di Consob non deve essere intesa come approvazione dei titoli offerti.
Successivamente è stato pubblicato un supplemento in data 25 marzo 2022 e un ulteriore supplemento, relativo all’avvenuta approvazione del bilancio 2021.

NaturaSì è stata supportata per gli aspetti legali connessi all’operazione e alla predisposizione del Prospetto Informativo dall’Avv. Gaia Sanzarello dello Studio Legale Maviglia & Partners. La realizzazione del progetto è stata curata anche da Euronext Securities Milan (già Monte Titoli S.p.A.) che provvederà alla dematerializzazione delle obbligazioni.

Fonte: Ufficio stampa NaturaSì

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

Anche in Trentino crescono i vigneti bio

Nell’incontro annuale della Fondazione Edmund Mach, nella sede di San Michele all’Adige, in Trentino, è stato evidenziato che il consumo di vino biologico a livello mondiale è più

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ