Con il riscaldamento globale Russia potenza agricola

unnamed%20%285%29_28.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il riscaldamento globale sta trasformando gradualmente la Russia in una superpotenza agricola. L’economia russa si basa principalmente sulla vendita di gas e petrolio: ciò la rende pericolosamente fragile e legata a doppio filo all’andamento del prezzo del greggio, che negli ultimi anni è calato notevolmente trascinando a fondo con sé anche il rublo. Del resto, a parte le armi, la Russia esporta nel mondo davvero pochi prodotti finiti.

L’agricoltura rappresenta invece appena il 4% del prodotto interno lordo. Ma ha un fiore all’occhiello: i cereali. E una serie di fattori – tra cui non ultimo l’aumento delle temperature – stanno portando le esportazioni di frumento russo a livelli da record. Mosca è infatti adesso il primo esportatore di frumento del pianeta: dopo essersi lasciata alle spalle gli USA, ha sorpassato anche l’Unione europea e si prevede che nel prossimo futuro continui imperterrita su questa strada.

Non si esclude che a medio termine la Russia possa diventare produttrice di alimenti biologici per rispondere al crescente successo degli stessi in città come Mosca e San Pietroburgo. 

 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ