Certificatori, la sfida di misurare il sostenibile

logo%20CCPB%20ok_5.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

‘Il problema della sostenibilità è misurarla, definire il confine dentro il quale stabilire tutta una serie di parametri’. Lo ha detto Fabrizio Piva a Bologna durante il convegno su ‘Sostenibilità e biodiversità’, svoltosi il 7 settembre nell’ambito di SANA. Il Consorzio CCPB di cui Piva è amministratore delegato ha messo a punto un sistema di misurazione della sostenibilità che è stato applicato per la prima volta già alcuni anni fa ma che si è evoluto nel tempo basandosi sul concetto di LCA (Life Cycle Assessment) ovvero sul ciclo vitale di un prodotto.

Il confine di questo ciclo fino a dove va portato in termini di messa a norma dell’impatto ambientale e altro? Fino ai cancelli dell’azienda agricola o fino al bancone del supermercato? La questione non si può chiudere in poche righe ma – e questo è importante – la sostenibilità va acclarata in modo da premiare le imprese più efficienti, garantire il raggiungimento degli impegni assunti e va promossa anche in una logica di marketing e di leale competizione sul mercato.

La sostenibilità poi non è solo un tema di un’azienda o di un gruppo di aziende, è un tema più ampio, coinvolge ad esempio la gestione ambientale delle città. Una partita – quest’ultima – ha detto qualcuno al convegno bolognese, che è appena cominciata in Italia. E attorno ad essa, spuntano professionalità insospettate. Gli esperti della biodiversità sono messi alla prova. Che alberi far crescere in un giardino pubblico, quali piante e perché? C’è chi ci sta pensando ed è possibile che, tra pochi anni, potremo vedere persino un giardino pensato per ospitare farfalle, oltre che veder aumentare gli orti sui tetti dei condomini e altri luoghi urbani.

Non è una battuta che una metropoli come Detroit faccia molto affidamento sulla produzione degli orti all’interno della fascia urbana. E che Milano sta recuperando terreno in questa direzione.

Insomma, è soprattutto un fatto culturale, almeno in partenza. Il biologico dentro la sostenibilità trova la sua casa ideale. (a.f.)

 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ