Carni più trasparenti con l’etichetta d’origine

logo%20cia_3.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

L’etichettatura d’origine delle carni anche trasformate non può essere un’optional. Deve, invece, essere un obbligo per consentire ai consumatori di scegliere in modo consapevole e agli allevatori di difendere e valorizzare le loro produzioni di qualità.

Lo sostiene la CIA (Confederazione italiana agricoltori) in merito alle dichiarazioni del commissario UE alla Salute Tonio Borg. La trasparenza, quindi, è una scelta che non ha alternative.

Del resto, anche per quanto riguarda i problemi operativi e gli adeguamenti della catena alimentare – sottolinea la CIA – ‘non pensiamo che, ad esempio, etichettare un prosciutto crudo o cotto comporti grandi maggiorazioni di costo’.

Oltretutto, basta considerare che proprio tre prosciutti su quattro sono stranieri e il consumatore non ne è a conoscenza, in quanto l’origine non è assolutamente evidenziata in etichetta, salvo per le Dop.

Ecco perché, come indicato anche dal Parlamento Europeo, bisogna arrivare – conclude la CIA – all’etichettatura d’origine di tutte le carni sia fresche che trasformate.

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ