Bio elemento di distinzione dei big, parola di Apofruit

bastoni%20ilenio%20sel.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

L’impegno anticrisi per la frutticoltura emiliana, nei progetti di Apofruit Italia, si affida non poco alle possibilità di sviluppo del biologico. Il tema è stato al centro di un incontro con i produttori svoltosi giovedì 7 maggio all’Hotel Estense di Finale Emilia.

Il presidente di Apofruit Mirco Zanotti e il direttore generale Ilenio Bastoni (nella foto), hanno illustrato le strategie della cooperativa per il territorio emiliano: ossia l’innovazione rappresentata dalla pera Abate a buccia rossa Falstaff, le opportunità per pere e mele offerte dallo sviluppo del biologico, le prospettive dell’innovazione varietale del kiwi in Emilia, l’apertura di nuovi mercati per la frutticoltura dei soci di Apofruit.

‘La concentrazione dell’offerta è un elemento fondamentale – ha evidenziato, alla platea dei produttori intervenuti all’incontro, il direttore di Apofruit Ilenio Bastoni – ma la massa critica da sola non riesce a creare valore per i produttori.

Ciò che serve è la distintività della propria offerta, ossia l’identificazione da parte del consumatore, che a quel prodotto sa di poter attribuire le migliori caratteristiche organolettiche’.

Ma come differenziare un prodotto di qualità dalle commodities? ‘Le linee guida di Apofruit per dare distintività alle nostre produzioni – ha evidenziato Ilenio Bastoni – sono il biologico, l’innovazione varietale, la politica di marca e lo sviluppo di nuovi mercati.

Per quanto riguarda il biologico ricordo che la nostra impresa (attraverso Canova, ndr) è leader, con il marchio Almaverde Bio, in questo settore’.

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ