Anche Federbio ricorda Girolomoni

gino%20girolomoni%20lutto.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Ci sono state numerose reazioni, spesso commosse, alla notizia della morte di Gino Girolomoni, che GreenPlanet ha annunciato lo scorso venerdì, 16 marzo.

Dal presidente di FederBio, Paolo Carnemolla, riceviamo:

‘Gino Girolomoni è stato un pioniere e uno degli animatori di quello che è poi diventato un settore economico importante, in anni ormai lontani di battaglie anche civili e culturali. La sua è del resto una storia comune a tanti, figli di un’epoca giovanile assai viva sul piano ideale e con una spinta a immaginare un futuro diverso, in contrapposizione con un modello di sviluppo dominante. 

Come spesso accade a persone geniali e ai pionieri quando poi l’esito delle loro battaglie genera economia vera, legislazione e sistemi organizzati iniziano le contraddizioni e le difficoltà, non sempre si riesce a rimanere protagonisti di un intero movimento, diventato settore economico, e a essere l’esempio e la guida che si è stati quando la meta da raggiungere era lontana. Negli ultimi anni Gino ha di fatto rinunciato anche all’impegno associativo, il mio ultimo ricordo risale a presenze rare e di fatto mute nel Comitato consultivo nazionale bio presso il Ministero. Eppure un contributo di esperienza straordinaria e di idee originali messo a disposizione di tutti è proprio quello che ci è mancato di più in questi anni. E ancor più ci mancherà nel momento difficile che stiamo vivendo come settore, ora che nemmeno potremo più chiederglielo. Riposa in pace, ora che la battaglia per un futuro migliore tocca a altri’

Dobbiamo ricordare che Girolomoni era stato il fondatore della Cooperativa Alce Nero, uno dei precursori italiani del biologico. Nato nel ’46 a Isola del Piano, sulle colline di Urbino, Girolomoni è stato uno dei precursori italiani del biologico dedicando tutta la sua vita all’agricoltura.

A ventitré anni incontra, e se ne innamora, il monastero di Montebello, che acquista, indebitandosi, con l’obiettivo di ridare vita alla struttura e un nuovo impulso all’economia locale, ricostruendo strade, case, coltivando campi e producendo cibi con un metodo di coltivazione che non fa danni all’ambiente. Un progetto che parte nel ’71 e prosegue nel ‘77 con la nascita della Cooperativa Alce Nero, una delle prime esperienze agrobiologiche italiane, producendo e commercializzando una vasta gamma di alimenti biologici, pasta, farina, riso, legumi, cereali, cous cous, passata di pomodori, sughi, creme di frutta, olio extravergine di oliva e caffè. 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ