Dallo spazio l’energia solare del futuro

spazio%20energia%20greenplanet.jpeg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il futuro dell’energia solare è nello spazio. Stanno lavorando in questa direzione alcuni ingegneri dell’Università di Glasgow, in Scozia, che mirano a potenziare il futuro delle energie rinnovabili attraverso la raccolta di energia solare direttamente dallo spazio. I ricercatori hanno già sperimentato apparecchiature che potrebbero fungere da piattaforma per i pannelli solari per raccogliere l’energia e permettono di traferirla poi di nuovo a terra, mediante microonde o laser.

 

Questo costituirebbe una fonte affidabile di energia e potrebbe consentire di accumulare preziosa energia da inviare nelle zone più lontane del mondo, in aree disastrate o zone periferiche che sono difficili da raggiungere con i mezzi tradizionali.

Massimiliano Vasile, dell’Università di Strathcly, Dipartimento degli Studi di Meccanica e Ingegneria Aerospaziale, che sta conducendo le ricerca sull’energia solare spaziale, ha detto: ‘Lo spazio offre una fantastica fonte per la raccolta di energia solare e abbiamo il vantaggio di essere in grado di raccoglierla a prescindere dalle condizioni di tempo del giorno o addirittura dalle condizioni atmosferiche. In zone come il deserto del Sahara dove l’energia solare può essere catturata, diventa molto difficile trasportarla in aree dove può essere usata. Tuttavia, la nostra ricerca si sta concentrando su come possiamo rimuovere questo ostacolo e indirizzare l’energia in aree difficili da raggiungere’.

‘Utilizzando sia le microonde che il laser – afferma ancora il ricercatore – saremmo in grado di trasportare l’energia sulla Terra, direttamente in specifiche aree. Ciò fornirebbe una fonte affidabile di energia di qualità e eliminerebbe la necessità di immagazzinare energia proveniente da fonti rinnovabili sulla terra. Inizialmente, piccoli satelliti saranno in grado di generare energia sufficiente per un piccolo villaggio, ma abbiamo l’obiettivo, e in effetti la tecnologia disponibile, per realizzare una struttura che potrebbe alimentare una città intera’.

Il dottor Vasile aggiuge: ‘La prossima fase del nostro progetto coinvolgerà lo studio sui riflettori necessari per raccogliere l’energia solare. L’attuale progetto, chiamato SAM (Autogonfiaggio di una membrana adattabile) metterà alla prova il dispiegamento di una struttura cellulare ultra leggera che può cambiare forma una volta implementata. La struttura è fatta di cellule che sono autogonfiabili nel vuoto e possono cambiare il loro volume in modo indipendente. La struttura riproduce la struttura cellulare naturale che esiste in tutte le cose viventi.

Il controllo indipendente delle celle ci permetterebbe di trasformare la struttura in un concentratore solare per raccogliere la luce del sole e proiettarla su pannelli solari. La stessa struttura può essere utilizzata per la costruzione di sistemi spaziali di grandi dimensioni con l’assemblaggio di migliaia di piccole unità individuali’.

Lo studio Niac della NASA sta lavorando a un nuovo design concettuale per grandi satelliti per l’energia solare. Il ruolo del team presso l’Università di Strathclyde (Glasgow) è quello di sviluppare soluzioni innovative per gli elementi strutturali e nuove soluzioni per l’orbita e il controllo in orbita.

(fonte: Gaianews.it)

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ