Attenti alle verdure quando il gelo fa schizzare i prezzi

Ramondo%20Edoardo%20T18%20greenplanet.JPG

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

In questi giorni l’ondata di gelo che ha visto le temperature calare sotto lo zero, con freddo e neve in tutta la penisola, ha portato disagi e perdite anche nel comparto ortofrutticolo, con difficoltà nell’approvvigionamento e nella distribuzione delle merci. Secondo una stima della CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) spinaci, radicchio, cicorie, cavoli, insalata, broccoli, verze e carciofi sono i prodotti più colpiti.

 

Per i consumatori tutto ciò si è tradotto in un aumento dei prezzi alla vendita, nei supermercati della grande distribuzione come nei mercati rionali.

Edoardo Ramondo, amminstratore del Gruppo T18 (nella foto), una grande azienda ortofrutticola, sottolinea però che per il consumatore è possibile calmierare il prezzo della spesa. In che modo?

‘Scegliendo quei prodotti che non subiscono troppo i danni delle intemperie, in primis finocchi e carote novelle. In questo modo si portano ugualmente sulla nostra tavola verdura di stagione, senza danno per il portafoglio.

La scelta che la natura ci offre è talmente vasta che possiamo tranquillamente integrare la nostra dieta con vitamine, sali minerali e nutrienti propri della verdura e della frutta senza rinunciarvi’. 

 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ